La strage nazifascista al Passo del Turchino

/
In diciassette erano scampati alla strage della Benedicta (alla…

Desaparecidos

/

«Prima elimineremo i sovversivi, poi i loro collaboratori, poi i loro simpatizzanti, successivamente quelli che resteranno indifferenti e infine gli indecisi». Con questo Piano di «guerra sporca» la giunta argentina realizzò un vero e proprio terrorismo di Stato: 30.000 esseri umani, molti dei quali non erano neanche oppositori attivi del regime, furono rapiti, torturati e mai più restituiti. Divennero desaparecidos.

Un colpo alla testa uccide il commissario Calabresi

/

Quale frangia politica estrema si macchiò del delitto? Destra o sinistra? Lotta Continua, fu la risposta della giustizia. I condannati si sono, però, sempre detti innocenti.

Quando Rom e Sinti difesero i loro figli ad Auschwitz

/
Non a tutti è noto che anche i popoli Rom e  Sinti furono perseguitati…

1988, inizia il ritiro delle truppe sovietiche dall'Afghanistan

/

Dopo 9 anni di conflitto, circa 100.000 Russi erano ancora lontani da casa, a combattere una guerra senza più un senso. Era giunto finalmente il momento di tornare alle proprie famiglie.

La dignità di Toscanini contro la violenza fascista

/

La sera del 14 maggio del 1931, Arturo Toscanini, allora cinquantacinquenne, al Teatro Comunale di Bologna, si rifiutò di eseguire gli inni "Giovinezza" e "Marcia Reale". Sapeva che gliela avrebbero fatta pagare, ma com'era sua abitudine, non era disposto a subire la prepotenza del regime fascista.

Quando Churchill promise lacrime e sangue

/

Il 13 maggio del 1940, Winston Churchill, nel discorso di insediamento del governo di cui era Primo Ministro, si rivolse ai membri della Camera dei Comuni e al popolo britannico con queste parole:

«Non posso promettervi altro che sangue, fatica, lacrime e sudore».

L'indipendenza di Kate Hepburn

/
Avrebbe compiuto 102 anni, oggi, Katharine Hepburn. Era nata…

Quella giornata particolare

/

L'11 maggio del 2016 veniva approvata la legge sulle unioni civili. Settantotto anni prima si concludeva la visita di Hitler a Roma. Ricordiamo entrambi i fatti, prendendo spunto da Una giornata particolare (1977, di Ettore Scola), che, sullo sfondo di quella storica e nefasta visita, raccontava dell'incontro tra una casalinga ingenua, ignorante e profondamente sola, e un radiocronista dell'EIAR licenziato ed inviato al confino dal regime fascista a causa della sua omosessualità.

I roghi nazisti e la nazificazione della Germania

/

Il 10 maggio del 1933 nelle piazze principali delle maggiori città tedesche si levarono delle fiamme. Erano quelle dei roghi dei libri. Venivano bruciati i testi di Charles Darwin, Albert Einstein, Sigmund Freud, André Gide, Ernest Hemingway, Hermann Hesse, Jack London, Georg Lukács, James Joyce, Jack London, Thomas e Heinrich Mann, Erich Maria Remarque, Karl Marx,  Marcel Proust, Robert Musil, Arthur Schnitzler, Upton Sinclair, H. G. Wells, Emile Zola... Ma quei roghi non erano che un pezzo del complesso puzzle di nazificazione della Germania, che Hitler e Goebbels sarebbero riusciti a completare con successo nel giro di pochi anni.