Trentesima puntata di Conflitti in corso: la mediazione familiare non è una guerra al conflitto

Dal momento che il mese di ottobre è dedicato alla Mediazione Familiare e che ci è pervenuta una mail di una donna la quale, fermamente intenzionata a separarsi, ci pone alcuni quesiti, è di nuovo questo il tema della trentesima puntata della rubrica Conflitti in corso (affrontato anche nella ventinovesima puntata).

In particolare, lo spunto è offerto dal quesito preoccupato che la signora ci ha posto:

«La mediazione familiare serve a far restare insieme chi vuole separarsi?».

Nel video, oltre a rispondere al contenuto letterale della domanda, spiegando che non è questa la funzione della mediazione familiare, ci si sofferma anche su un aspetto più implicito, sotteso a quell’interrogativo. In particolare, si chiarisce che la funzione della mediazione familiare non è quello di far cambiare idee, sentimenti, propositi, comportamenti o atteggiamenti, ma di facilitare la comunicazione tra i protagonisti del conflitto, cosicché ritrovino quella forza e quella capacità di trasmettere efficacemente i propri pensieri ed emozioni e di ricevere i messaggi della controparte, che la dinamica conflittuale molto spesso indebolisce o, addirittura, azzera.

Si ribadisce, quindi, nel video, non soltanto che i mediatori non danno torti e ragioni e non approvano o disapprovano il conflitto in sé, ma anche che la mediazione familiare non è una guerra al conflitto, bensì restituiscono ai suoi attori un po’ di quelle libertà e facoltà che la dittatura della dinamica conflittuale ha loro sottratto o inibito.

AIUTO (4)
SERVIZI DI MEDIAZIONE FAMILIARE

admin-ajax

admin-ajax (1)

admin-ajax (2)

Locandina per slider
admin-ajax (1)
admin-ajax
admin-ajax (2)
admin-ajax (3)
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Progetto senza titolo (8)
Interviste ex corsisti
Tesi fine Corso
Riflessioni Me.Dia.Re
Note di mediazione
Conflitti in corso
Corsi e ricorsi
Politica e conflitto

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *