Tesi di Sabrina Raschellà: La Mediazione Familiare: un percorso tra emozioni, empatia e relazioni

Nella tesi di Sabrina Raschellà per il Corso di Mediazione Familiare (Edizione XIII del Corso in Mediazione Familiare Novembre 2018, dell’Associazione Me.Dia.Re), l’ascolto, “l’ascolto puro”, è il tema centrale. Sabrina scrive, infatti, nella premessa che durante il percorso formativo…

«…Prima di tutto ho liberato la mente dal mio concetto di mediazione che consisteva nel trovare la via di mezzo o trovare la pace».

Questa “liberazione” è avvenuta, spiega, riconoscendo il valore cruciale dell’ascolto nella conduzione dell’attività di mediazione. Nell’ambito della mediazione  dei conflitti lo strumento più utilizzato è l’ascolto, denominato “ascolto puro“. Cosa si cela dietro questo concetto, quali sono le sue caratteristiche peculiari e cosa succede quando si è in ascolto dell’altro? Queste domande hanno innescato la sua ricerca, che l’ha condotta anche a dare spazio alle recenti scoperte delle Neuroscienze. Nello sforzo di affrontare la vasta tematica dell’ascolto, correlata all’empatia, infatti, non ha potuto trascurare anche alla scoperta dei “neuroni-specchio”.

«La nostra sopravvivenza dipende da loro, come da quei neuroni deriva la nostra capacità di metterci nei panni degli altri, che non significa, però, confonderci con l’altro».

Può cliccare qui chi è interessato a leggere la tesi di Mediazione Familiare di Sabrina Raschellà.

Le altre tesi sulla mediazione familiare dei partecipanti ai corsi di Me.Dia.Re. si trovano nella pagina Tesi dei Corsi di Mediazione Familiare, Penale….

AIUTO (4)
SERVIZI DI MEDIAZIONE FAMILIARE

admin-ajax

admin-ajax (1)

admin-ajax (2)

Interviste ex corsisti
Tesi fine Corso
Riflessioni Me.Dia.Re
Note di mediazione
Conflitti in corso
Corsi e ricorsi
Politica e conflitto
CORSO in MEDIAZIONE FAMILIARE 16° EDIZIONE
Corso Mediazione Penale, Saniaria, Lavorativa e Scolastica 16° EDIZIONE
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *