Tesi di Francesca Guido: La stanza della mediazione familiare. Dal setting alla trasformazione del conflitto

La tesi dell’avv. Francesca Guido per il Corso di Mediazione Familiare (Edizione XI del Corso in Mediazione Familiare e di Mediazione Penale, Lavorativa e Sanitaria, Novembre 2017, dell’Associazione Me.Dia.Re) è un vero e proprio viaggio esplorativo nella “stanza della mediazione familiare”. Francesca Guido, infatti, descrive e analizza dapprima «il lato meramente fisico e spaziale», soffermandosi su  «la gestione degli spazi e gli arredi», per passare poi all’atteggiamento del mediatore, richiamando le teorie sulla prossemica e ricordando come sia importante che il mediatore sia consapevole dell’importanza del linguaggio del corpo, del proprio corpo, e arriva quindi «a temi più profondi e complessi come la fiducia, l’equiprossimità, la fase più viva e delicata dell’ascolto e di ciò che emotivamente comporta anche per il mediatore». In chiusura Francesca Guido non trascura di analizzare il setting mediativo anche sotto il profilo delle opzioni della «co-mediazione» e della «mediazione condotta da un singolo mediatore».

Può cliccare qui chi è interessato a leggere la tesi di Mediazione Familiare di Francesca Guido, che abbiamo anche intervistato per la rubrica Interviste ad ex-corsisti di Me.Dia.Re. (la sua video-intervista si può vedere cliccando qui)

Le altre tesi sulla mediazione familiare dei partecipanti ai corsi di Me.Dia.Re. si trovano nella pagina Tesi dei Corsi di Mediazione Familiare, Penale…

AIUTO (4)
SERVIZI DI MEDIAZIONE FAMILIARE

admin-ajax

admin-ajax (1)

admin-ajax (2)

CORSO in MEDIAZIONE FAMILIARE 16° EDIZIONE
Corso Mediazione Penale, Saniaria, Lavorativa e Scolastica 16° EDIZIONE
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Interviste ex corsisti
Tesi fine Corso
Riflessioni Me.Dia.Re
Note di mediazione
Conflitti in corso
Corsi e ricorsi
Politica e conflitto

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *