Progetto HOPELAND

Sostegno psicologico e psicoterapia per rifugiati e richiedenti asilo adulti

Dal 2013 Me.Dia.Re. eroga servizi di sostegno psicologico rivolti a rifugiati, richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale e umanitaria, in convenzione con il Comune di Torino e in sub-appalto dalla Cooperativa Esserci.

A chi si rivolge

Ai soggetti inseriti nel Sistema nazionale di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (S.P.R.A.R.) e segnalati dall’Ufficio Stranieri del Comune di Torino o da altri operatori ed enti impegnati nell’accoglienza e nell’accompagnamento all’integrazione sociale.

Approccio e metodologia

L’approccio adottato dal Servizio fa riferimento al modello di psichiatria transculturale messo a punto dal servizio dell’Ospedale Avicenne di Parigi, diretto dalla Prof. M. Rose Moro e dal Gruppo Trauma diretto dal Prof. T. Baubet, che prevede una presa in carico dei soggetti di tipo gruppale.

Su ispirazione del modello parigino, l’attività del Servizio di Ascolto, Sostegno Psicologico e Psicoterapia è quindi svolta da psicologi clinici e/o psicoterapeuti affiancati da figure in grado di interpretare le specificità culturali emergenti dai racconti (micro équipe composta da 2-3 operatori, tra cui psicologi, antropologi e mediatori culturali) e di permettere di meglio comprendere la natura, la portata e le conseguenze del trauma vissuto.

Quali servizi offre

Nell’ambito del progetto Hopland, si erogano servizi di ascolto, sostegno psicologico individuale e psicoterapia rivolti a rifugiati e richiedenti asilo. In questo modo s’intende:

  • Contribuire alla rielaborazione di eventi di natura traumatica connessi con la storia di fuga e il processo di ricollocazione sul territorio del nostro Paese delle persone che accedono al servizio
  • Offrire uno spazio in cui sia riconosciuta la loro singolarità ed individualità, sostenendo così la loro capacità di elaborare le difficoltà individuali, ricercare soluzioni e costruire un nuovo progetto di vita nel nostro paese
  • Rafforzare la loro capacità di riconoscere e utilizzare al meglio le proprie risorse e potenzialità, migliorando la percezione di autoefficacia, accrescendo la motivazione, la sicurezza di sé, l’energia psichica e il benessere psicologico
  • Sostenere il percorso di integrazione, favorendo il superamento delle barriere culturali e supportando il sorgere di relazioni solidali e di legami di amicizia
  • Fornire il sostegno psicologico necessario a superare lo stress connesso con l’audizione per la richiesta di asilo politico ed articolare in modo tollerabile sul piano emotivo e coerente da un punto di vista cognitivo il proprio racconto.

Scopri il modello di psichiatria transculturale di M. R. Morò

L’impostazione messa a punto dall’équipe della dott.ssa Morò e adottata nel Servizio di Psichiatria Transculturale dell’Ospedale Avicenne di Bobigny, nei pressi di Parigi, prevede che il gruppo di terapisti, assieme all’interprete o al mediatore culturale, accolga la persona ed eventualmente i suoi familiari in una ricerca collettiva del senso delle difficoltà presenti, permettendo a ciascuno di “dire la propria singolarità” in uno spazio contenitore adeguato in cui i diversi codici culturali e le differenze delle persone e delle culture vengono messi al servizio del pensiero e della cura. La capacità di “potersi dire”, di poter raccontare a se stessi la propria vita e la propria storia passa attraverso la possibilità di poterla raccontare ad altri. In questa prospettiva, il dispositivo mira a favorire una narratività gruppale che fa da supporto alla capacità del singolo di narrarsi in modo per lui strutturante, attraverso una tecnica terapeutica che favorisce le libere associazioni a partire dalle immagini e dalle metafore delle persone che partecipano al gruppo. In questa narrazione oltre alla storia del soggetto hanno importanza la storia della famiglia, ma anche le relazioni fra il soggetto che ora vive qui e quanto di lui è restato laggiù, nella sua patria di origine. Il gruppo diventa pertanto luogo di accoglienza, di elaborazione delle difficoltà delle persone e di ricerca di soluzioni in quanto attiva ed amplifica le risorse dei soggetti, riconosciuti nella loro singolarità ed individualità, nonché nella loro possibilità di inventarsi e condividere un nuovo progetto di vita in un paese diverso dal proprio, ma non per questo necessariamente del tutto estraneo.