Abbiamo pubblicato “Ascolto e Mediazione dei Conflitti”

Il volume, fondato sulla ventennale esperienza di servizi di mediazione (familiare, penale, in ambito sanitario, organizzativo-lavorativo e scolastico) e di ideazione e realizzazione di corsi e progetti formativi all’interno dell’Associazione Me.Dia.Re., propone un modello definito “Ascolto e Mediazione“, fondato su una premessa teorica ma di forte rilievo pragmatico: se la funzione della mediazione è gestire i conflitti, allora occorre che tale strumento si adatti all’oggetto cui è destinato, per evitare che il percorso mediativo sia vissuto dalle parti come una sorta di conflitto al loro conflitto e, quindi, a loro stesse.
Il modello “Ascolto e Mediazione” persegue, in primo luogo, l’obiettivo di offrire ai confliggenti ciò che il conflitto tipicamente toglie, l’ascolto: l’ascolto da parte dell’altro, l’ascolto dell’altro e l’ascolto di sé stessi. Ma tale reintegrazione, che si realizza attraverso un esercizio consapevole e calibrato dell’empatia, si basa su premesse teoriche (anche fortemente filosofiche) e relazionali che tentano di tenere insieme due istanze pragmatiche: da un parte, una profonda osservanza dell’a-valutatività del mediatore; dall’altra, il tentativo di non lasciare lontane dalla mediazione le persone che la vivono come un disconoscimento della loro reazione all’ingiustizia altrui; o come un invito “indecente” a collaborare col nemico; oppure, ancora, come una richiesta di rinnegare i propri valori o di rinunciare a tutelare i diritti, gli interessi o gli affetti più importanti.

INDICE

  • Prefazione (Isabella Buzzi)
  • Modelli di mediazione (Mille mediazioni; Modelli di mediazione impostati sul passaggio dalla contrapposizione alla collaborazione; Modelli di mediazione intesi a produrre dei cambiamenti profondi)
  • Il conflitto (L’innesco del conflitto; L’escalation del conflitto)
  • Ascolto e Mediazione (La mediazione e le emozioni; Perché Ascolto e Mediazione e non solo Mediazione: il nesso tra il conflitto e l’ascolto; Le ombre prima delle luci: limiti e rischi dell’empatia; Il percorso di mediazione; Funzioni e difficoltà dell’ascolto nel percorso mediativo; Dagli incontri di mediazione ai colloqui post-mediazione: l’esempio di una mediazione di un conflitto tra coniugi; L’Ascolto e Mediazione non solo come modo alternativo di gestione del conflitto; Guardarsi dentro fa male, ma qualche volta è utile; Il codice etico)
  • La prassi dell’Ascolto e Mediazione. Una mediazione (quasi) senza obiettivi (Presupposti filosofici del modello Ascolto e Mediazione: la mediazione come prassi; La prassi della “mediazione del conflitto” e la mediazione trascendentale)
  • Bibliografia.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *