6/11/2017 don Guidotti colpevolizza una giovane violentata per essersela andata a cercare

Una vittima di stupro che trova il coraggio di denunciare ciò che ha subito si muove su un terreno minato, purtroppo. La probabilità che le vengano attribuite delle responsabilità è grande, come dimostra la vicenda di due anni fa, in cui una ragazza di 17 anni, violentata su un vagone di un treno, è stata oggetto di un post su Facebook di eccezionale aggressività. Don Guidotti, un sacerdote di Bologna, si è infatti scagliato contro la ragazza, a suo avviso ambasciatrice della cultura dello sballo, che, proprio per questo, non meritava alcuna pietà.

 

La questione è stata analizzata anche all’interno di un articolo di Politica e Conflitto, uno dei blog di Me.Dia.Re., cui rinviamo per una lettura più approfondita.

Ciò che sembra emergere, in aggiunta, consiste nella forte influenza che i social media hanno sui nostri pensieri e sui comportamenti che ne derivano. Poche ore dopo la pubblicazione, infatti, lo stesso parroco ha ufficializzato le proprie scuse. Nonostante, a suo dire, avesse “immaginato di fare il commento all’articolo avendo davanti questa ragazza”, rimane la sensazione che, se davvero l’avesse avuta davanti, al posto di schermo e tastiera, toni e contenuti sarebbero stati alquanto diversi. A volte, può essere utile spendere pochi secondi in più, prima di pubblicare.

Alessio Gaggero

 

AIUTO (4)
SERVIZI DI MEDIAZIONE FAMILIARE

admin-ajax

admin-ajax (1)

admin-ajax (2)

Progetto senza titolo (8)
Interviste ex corsisti
Tesi fine Corso
Riflessioni Me.Dia.Re
Note di mediazione
Conflitti in corso
Corsi e ricorsi
Politica e conflitto
Loc_orizz. Master G.R. sett.22 379×210
Locandina per slider Master Med Fam
Locandina per slider Master Med Pen
Weekend gratuito nov.22
Corso di Coordinazione Genitoriale Ottobre 22
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.