Ventitreesima puntata di Conflitti in corso

/

Nel ventitreesimo incontro di Conflitti in corso si parla dei contrasti, dai risvolti anche molto concreti, specie in questa cosiddetta Fase 2, tra chi è poco incline ad avvalersi delle maggiori possibilità di movimento restituite alla nostra libertà e chi invece di tali estensioni vuole avvalersi. Pare, infatti, che in ambito privato, familiare, si propongano contrapposizioni simili a quelle che vediamo in ambito pubblico: tra chi dice “Forza e coraggio! Ripartiamo!” e chi ribatte “Calma e prudenza! Aspettiamo!”.

Come si possono gestire tali conflitti? Quali sono i non-detti? Forse entrambe le parti vorrebbero sentire riconosciuti il loro "amore per la vita" e la loro "angoscia per la morte", ma per entrambe accogliere il vissuto altrui significa temere di compromettere qualcosa di irrinunciabile, come la vita nei suoi vari significati? 

Ventiduesima puntata di Conflitti in corso

/

Nel ventiduesimo incontro di Conflitti in corso, si tenta di rispondere alla domanda

«cosa può fare e che utilità può avere la mediazione dei conflitti in questa situazione di pandemia?».

Naturalmente, nel tentativo di rispondere, si prendono in considerazione i nuovi conflitti provocati e quelli preesistenti acuiti dalla crisi generata dal Coronavirus.

Ventunesima puntata di Conflitti in corso

/

Nel ventunesimo appuntamento della rubrica Conflitti in corso viene presentato il nuovo servizio gratuito di Me.Dia.Re., Pronto Soccorso Ascolto e Mediazione. Un servizio di ascolto e facilitazione della comunicazione per le persone e le famiglie le cui criticità relazionali o i cui conflitti siano provocati o acuiti dalle implicazioni dell'epidemia in corso, quali quelle costituite dalle misure restrittive della circolazione.

Ventesima puntata di Conflitti in corso

/

Nel ventesimo incontro di Conflitti in corso, commentiamo la mail di un diciottenne, da oltre dieci anni spettatore e vittima del conflitto di coppia tra i suoi genitori, che, ora, costretto dal Coronavirus a restare in casa, non trova più le consuete vie di fuga dalle loro tensioni.

Nel video perciò prestiamo attenzione al punto di vista di questo giovane, i cui genitori affermano di non volersi separare solo per non farlo stare male, mentre si rinfacciano reciprocamente la "colpa" della sua omosessualità, come se questa fosse una malattia e, in quanto tale, ascrivibile alle carenze genitoriali dell’altro

Inoltre, rispondiamo ai suoi quesiti relativi a cosa pensiamo del Coronavirus e all'eventualità che la mediazione, tenuto conto dei limiti pratici legati all'epidemia, possa ad essergli d’aiuto.

Diciannovesima puntata di Conflitti in corso

/

Nel diciannovesimo incontro di Conflitti in corso, commentiamo la mail di una persona che descrive non un conflitto di coppia, ma una situazione violenza psicologica.

Diciottesima puntata di Conflitti in corso

/

Nel diciottesimo incontro di Conflitti in corso si esamina un caso in cui il razzismo ha quasi del tutto spezzato il legame tra una donna e suo figlio, un uomo colpevole, agli occhi della madre, di avere sposato una donna di origine straniera e di aver avuto con lei due bambini.

Diciassettesima puntata di Conflitti in corso

/

Nella diciassettesima puntata di Conflitti in corso si commenta la mail di un manager esasperato dai conflitti tra i suoi collaboratori, a suo parere, generati dal sentimento dell'invidia.

Sedicesima puntata di Conflitti in corso

/

Nel sedicesimo incontro di Conflitti in corso, come in quello precedente, torniamo ad occuparci degli effetti della Crisi economica sulla vita di una famiglia. In tal caso la mail commentata presenta il conflitto tra due coniugi che sono anche gestori dell’attività economica di famiglia e che si trovano, ora che l’ora più buia della crisi pare superata, a fare i conti con angosce, rimpianti, dubbi e i bisogni che quel periodo ha generato e che, per poter reagire combattivamente, furono accantonati e azzittiti di comune accordo, fino a divenire dei tabù condivisi.

Quindicesima puntata di Conflitti in corso

/

Nel quindicesimo incontro di Conflitti in corso, commentiamo la mail di una persona che descrive i rapporti interni alla propria famiglia come “una guerra di tutti contro tutti”: una guerra, causata, o almeno scatenata, da gravi difficoltà economiche ed occupazionali. Recuperando anche l’esperienza quasi decennale del nostro Servizio gratuito SOS Crisi, riflettiamo su come possa accadere che i membri di una famiglia, invece di far fronte comune al pericolo comune, arrivino ad isolarsi l’uno dall’altro, ad incolparsi e ad attaccarsi vicendevolmente.

Quattordicesima puntata di Conflitti in corso

/

In questo quattordicesimo incontro di Conflitti in corso, rispondendo alla mail di una professionista della sanità, aggredita nel Pronto Soccorso in cui lavora dal famigliare di un paziente, svolgiamo qualche riflessione sul tema della violenza contro gli operatori.