Cittadinanza alle emozioni: Tavola Rotonda del 12 novembre 2021

/

Vi aspettiamo il 12 novembre, dalle 17,30 alle 19,30, sulla piattaforma Zoom, alla Tavola rotonda:

“Cittadinanza alle emozioni”: la Mediazione dei Conflitti e i suoi ambiti

Si parlerà di Mediazione Penale, di Mediazione dei Conflitti in Sanità, di Mediazione Scolastica e della Giustizia Ripartiva alla luce della nuova riforma.

Tesi di Manuela Ciavarella: La mediazione familiare come strumento di accompagnamento per i genitori in fase di separazione

/

La tesi di Manuela Ciavarella per il Corso in Mediazione Familiare affronta con partecipazione minuziosa la crisi della coppia e con altrettanta prossimità empatica la sofferenza dei figli coinvolti nel conflitto, ma spiega anche quale potente risorsa sia la mediazione familiare

Abbiamo pubblicato "Ascolto e Mediazione dei Conflitti"

/

Basato sulla ventennale esperienza di servizi di mediazione (familiare, penale, in ambito sanitario, organizzativo-lavorativo e scolastico) e di ideazione e realizzazione di corsi e progetti formativi all’interno dell’Associazione Me.Dia.Re., questo volume propone un modello definito “Ascolto e Mediazione”, che ha l’obiettivo di offrire ai confliggenti ciò che il conflitto tipicamente toglie: l’ascolto da parte dell’altro, l’ascolto dell’altro e l’ascolto di sé stessi

Tesi di Valeria Zanapa: Mediazione familiare, conflitto e violenza. Quando è opportuno mediare

/

La tesi di Valeria Zanapa per il Corso in Mediazione Familiare ha una finalità eminentemente pratica:

«Si prenderà in considerazione quale deve essere il comportamento adeguato del mediatore in una situazione del genere e si cercherà di mettere in evidenza qual è il timing migliore per ricorrere alla mediazione familiare in quei casi nei quali vi sia un’elevata conflittualità di coppia. Conflittualità che, come vedremo, deve essere ben distinta da ciò che si configura, invece, come violenza».

Saper distinguere tra violenza e conflitto è ciò che consente «di evitare il rischio di vittimizzazione secondaria per la persona che ha subito abusi e/o violenze (di solito la donna) e, soprattutto, per il minore».